La strategia

Il progetto “Hotel & Ristoranti Zero Waste”, nato da un’idea di Antonino Esposito, è volto a stimolare l’innovazione nelle strutture ricettive (non solo hotel e ristoranti, ma anche altre strutture ricettive, attività commerciali, stabilimenti balneari, ecc…), promuovendo l’educazione e la sostenibilità ambientale a livello turistico, affinché il concetto di “turismo sostenibile” possa essere considerato finalmente una realtà e non più un obiettivo da raggiungere.

La Strategia nasce sulla scia dei movimenti internazionali Zero waste e dal carisma di personaggi del calibro dello scienziato statunitense Paul Connett, in Italia presidente del comitato scientifico della commissione Rifiuti Zero di Capannori, e Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Italy e vincitore nel 2013 del Goldman Enviromental Prize, conferitrogli dal Presidente USA Barack Obama.

Il progetto “Hotel & Ristoranti Zero Waste” guarda a quelle attività che vogliono, da un lato, promuovere comportamenti ecologicamente virtuosi, e dall’altro incidere concretamente nella riduzione dei consumi a carico del territorio. L’obiettivo, alla base dell’idea della strategia, è fare del settore ricettivo, che per definizione si nutre delle bellezze o peculiarità in generale legate al territorio, l’emblema della sostenibilità e quindi del rispetto e della conservazione. Una sorta di “ospitalità” nuova che si apre alla sostenibilità come “valore”: un’ospitalità che si allontana dalle logiche della globalizzazione e dagli standard asettici di una sopravvalutata “qualità”; un’ospitalità che riscopre il senso vernacolare dell’accoglienza”, che si avvicina all’uomo e ai suoi bisogni più semplici e primari: si parte dall’uomo con suoi bisogni che diventa un turista, e si giunge al turismo che diventa sostenibile.

Il progetto, al contempo, include anche un’accezione economica: l’idea di fondo, infatti, è quella di lavorare in sinergia con le amministrazioni per rimodulare le tariffe della tassa sui rifiuti in base alla quantità di rifiuti prodotti ed alla qualità della raccolta differenziata effettuata. Per le attività commerciali aderenti, la strategia propone il compimento di alcuni step attraverso la definizione di linee guida operative, volte alla realizzazione di politiche concrete di riduzione dei rifiuti e degli sprechi. Condizione necessaria alla riuscita del programma è ottenere una gestione e una forma- zione del personale in linea con i principi ispiratori della sostenibilità ambientale; grazie all’adozione di un paradigma formativo, orientato dalla presa di coscienza dei nuovi turisti ed imprenditori e supportato da un efficiente monitoraggio delle iniziative, si può dare impulso ad un cambiamento di valori e priorità, accompagnati ad un risparmio misurabile nel consumo delle risorse, indubbiamente un importante incentivo che va ad unirsi agli altri di natura esclusivamente ambientalista.